Prima Pagina  
Menu principale
Prima Pagina
Ultime Notizie
Attualità, Costume e Società
Storia e Cultura
Arte e design
Sport e Spettacolo
Italiani Estero
Personaggi e Biografie
Calendario Eventi
Galleria Immagini
Servizi
Attività
Pubblicazioni
Newsletter
Rappresentanze Estero
Archivio
Chi siamo
Contatti
Gerenza
Calendario Eventi
SunMonTueWedThuFriSat
01020304
05060708091011
12131415161718
19202122232425
262728293031
Login Form





Lost Password?
No account yet? Register
Syndication
Syndication

 
testata
Ultime Notizie
Agenda appuntamenti del 6 febbraio 2009
Agenda. Tutti i pezzi
5 febbraio 2009 - Ecco i principali appuntamenti di venerdì 6 febbraio in Italia e nel mondo.
LUSSEMBURGO - Tra Sacro e Profano. Capolavori del XVII secolo nelle raccolte della Banche Italiane.
TEL AVIV - Sounds and Visions. Artists’ Films and Videos from Europe.
NEW YORK - Sign of sound. Performance Fabiana Yvonne,  Lugli Martinez e Matthew Garrison.
MOSCA - Vertice Ue-Russia.
MONACO - 45mo convegno sulla Sicurezza, presente tra gli altri il vice presidente americano Joe Biden, il segretario generale della Nato Jaap de Hoop Scheffer, il presidente della commissione Ue Barroso. Per l'Italia partecipa il ministro della Difesa Ignazio La Russa.
Read more...
 
Cinema, no a proiezioni di 'Ex' nelle sale parrocchiali
Percorsi nel cinema
5 febbraio 2009 - Niente ' Ex' nelle sale parrocchiali. Per il film corale di Fausto Brizzi, in uscita venerdì 6 febbraio, nessuna proiezione sugli schermi parrocchiali. Nella pellicola, il prete interpretato da Flavio Insinna abbandona la tonaca per amore. Il film, infatti, è stato considerato nella classifica stilata dalla Commissione Nazionale di valutazione Film, curata dall'Acec per conto della Cei "sconsigliabile, non utilizzabile, superficiale". Un giudizio che porta alla sua esclusione dalla programmazione delle circa mille sale riunite dall'Associazione Cattolica Esercenti Cinema.
Read more...
 
Battisti, Pe: Brasile tenga conto sentenza Italia
Cesare Battisti. La giustizia brasiliana nega l'estradizione e lo rende "rifugiato politico" 
5 febbraio 2009 - Con 46 sì, 8 no e nessun astenuto il Parlamento europeo ha approvato la risoluzione sul caso di Cesare Battisti, con la quale si confida che il riesame della decisione da parte del Brasile tenga conto della sentenza emessa da uno Stato dell'Ue "nel pieno rispetto dei principi di legalità su cui si fonda l'Ue". Presentata dai gruppi del Ppe, Pse, Liberaldemocratici e Uen, la risoluzione è stata posta in votazione dopo che la socialista Martine Roure e il verde Gerard Onesta avevano sollevato la questione della scarsa presenza di deputati al momento del voto.
Read more...
 
Omicidio di Garlasco, Panorama: ecco il materiale sul pc di Stasi
Omicidio di Garlasco. Tutti i pezzi
5 febbraio 2009 - Foto, film a luci rosse, racconti hard e riprese personali. Il settimanale Panorama, in edicola il 6 febbraio, pubblica un servizio di cui è stata data un'anticipazione, con un elenco del materiale e di che tipo, trovato nel computer di Alberto Stasi, unico indagato nell'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, uccisa a Garlasco il 13 agosto 2007. Ci sono  file musicali, foto pedopornografiche (per le quali Stasi è già indagato), ma anche di aerei, donne violentate, persone sofferenti.
Read more...
 
Arte, Croppi: vogliamo aprire casa Balla a Roma
Percorsi nell'Arte, nell'Architettura, nel Design e nella Fotografia 
5 febbraio 2009 - La casa dove il pittore futurista Giacomo Balla trascorse nella capitale gli ultimi 30 di vita, diventerà fruibile "almeno per gli studiosi". È quanto assicura l'assessore alla cultura del Comune di Roma Umberto Croppi, che ha fatto un sopralluogo nell'abitazione in via Oslavia, nel quartiere Prati, dopo un falso allarme stampa di infiltrazioni d'acqua nell'appartamento. "È un oggetto d'arte straordinario - ha detto estasiato l'assessore - pieno di decorazioni e dove la maggior parte dei mobili sono stati costruiti dalle mani dell'artista. Un valore incalcolabile sul mercato perché praticamente si tratta di un'opera d'arte tridimensionale.
Read more...
 
Meteo, in arrivo piogge e temporali sul centro-nord
5 febbraio 2009 - In arrivo pioggia e temporali sull'Italia centro-settentrionale. Il tutto è causato da una nuova perturbazione di origine che sta raggiungendo la penisola. Per questo, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un allerta meteo valido dalle prime ore di venerdì 6 febbraio: gli esperti prevedono temporali localmente anche molto intensi e venti forti su tutto il nord Italia e sulle regioni centrali tirreniche. Le precipitazioni assumeranno carattere nevoso sulle Alpi a quote superiori agli 800-1.000 metri.
Read more...
 
Moto Gp, Valentino Rossi cade durante le prove, nessun danno
Moto Gp 2009. Tutti i pezzi 
5 febbraio2009 - Durante le prime prove ufficiali del motomondiale, in Malesia, Valentino Rossi finisce a terra senza conseguenze. Dopo essersi tagliato mano e piede sinistri due giorni fa per un banale incidente domestico, il pesarese è caduto oggi nella prima giornata di test della nuova Yamaha sul circuito di Sepang. Fortunatamente, non si è fatto nulla. “Niente di grave - ha detto Rossi ai box -. È solo che mi fanno male le mie ferite".
Read more...
 
Fratellini di Gravina, oggi si decide sull'archiviazione
Fratellini di Gravina. Tutti i pezzi
5 febbraio 2009 – Ha preso il via oggi presso il Tribunale di Bari, l’udienza a porte chiuse per discutere l’opposizione alla richiesta di archiviazione, avanzata dalla Procura, nell’ambito dell'inchiesta contro Filippo Pappalardi, il papà dei fratellini di Gravina di Puglia, Ciccio e Tore.
Read more...
 
Salute, al via la campagna antifumo voluta dal governo
5 febbraio 2009 - Il fumo uccide 5,4 milioni di persone nel mondo ogni anno, di cui 80.000 in Italia. Il ministero del Welfare ha pertanto deciso di lanciare una nuova campagna antifumo, che ha per obbiettivo la riduzione del numero di fumatori abituali, la sensibilizzazione dei fumatori sui danni provocati agli altri, al fine di tutelare i non fumatori e la prevenzione dell’avvicinamento dei giovanissimi alle sigarette.
Read more...
 
Delitto Perugia, Sollecito spostato da Terni a Perugia
Delitto Perugia. Tutti i pezzi
5 Febbraio 2009 – Dopo essere stato spostato dal carcere di Terni a quello di Perugia, Raffaele Sollecito domani prenderà parte, davanti alla Corte d'assise di Perugia, alla seconda udienza del processo per l'assassinio di Meredith Kercher nel quale è imputato con Amanda Knox (tutti e due hanno comunque sempre negato qualsiasi addebito). A quanto si apprende dall’ Ansa, il trasferimento è connesso proprio alle necessità processuali.
Read more...
 

tutte le ultime notizie - all news >>


 
Sondaggi
Sondaggi
Chi è online
We have 3 guests online
 
Annuncio Pubblicitario
 
Pupi Avati, biografia PDF Print E-mail
Wednesday, 21 November 2007

Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico nato a Bologna il 3 novembre 1938.

Il nascondiglio. Con Pupi Avati non passa la paura
Venezia 65. La cronaca nera così "familiare" nel film di Avati.

Dopo la laurea in scienze politiche conseguita presso l’università di Bologna, Giuseppe, Pupi Avati lavora per un periodo per una società di prodotti surgelati. Nel 1968 esordisce dietro la macchina da presa con l’horror a basso costo “Balsamus, l’uomo di Satana”. Il successo arriva nel 1975 con “La mazurka del barone della santa e del fico fiorone” farsa naif, costantemente a metà strada tra il grottesco ed il fantastico, che racconta la trasformazione di un nobile miscredente in un uomo devoto e bacchettone che dona i suoi averi alle istituzioni religiose a seguito di una burla. Nel 1976 realizza l’apologo surreale e satirico “Bordella”, racconto del successo di una casa di piacere per signore. Il film ebbe noie con la censura per oltraggio al pudore. “La casa dalle finestre che ridono” (1976) segna il primo, fortunato, incontro di Pupi Avati con il cinema horror. La pellicola nel 1979 riceve il premio della Critica al Festival du Film Fantastique di Parigi. La storia è quella di un giovane restauratore chiamato in un paesino vicino Ferrara a restaurare un affresco raffigurante San Sebastiano.

 L’autore dell’affresco è un artista folle (dall’inquietante soprannome di “Pittore delle agonie” perché specializzato nel ritrarre personaggi morenti) morto suicida trent’anni prima e residente in una sinistra casa. Durante il soggiorno del giovane restauratore nel paesino avvengono strane morti violente. Il protagonista decide di indagare e finisce con lo scoprire una verità agghiacciante. Avati torna all’horror, questa volta venato di note comiche, con “Tutti defunti… tranne i morti” (1977) pellicola in cui la scoperta di una profezia che annuncia che chi ucciderà nove rappresentanti di una nobile famiglia troverà un tesoro offre al regista bolognese la possibilità di mostrare una divertente carrellata di personaggi da caricatura. Vena crepuscolare e una discretra dose di poetici e buoni sentimenti caratterizzano la fiaba per adulti “Le strelle nel fosso” (1978). Nello stesso anno acquista una grande notorietà con “Jazz band” affresco di una generazione tratteggiato attraverso la scoperta del jazz. Lo sceneggiato televisivo in tre puntate ottiene una pioggia di premi (Premio Chianciano per la regia televisiva, Premio Salsomaggiore per il miglior sceneggiato, Premio della critica al Festival di San Sebastian, Maschera d’argento). L’anno seguente realizza un altro sceneggiato televisivo di grande valore “Cinema!!!” racconto dei primi passi di un giovane aspirante regista e delle difficoltà che deve affrontare. Per il suo ritorno al cinema Avati effettua un’incursione nel musical con “Aiutami a sognare” (1981) racconto della delicata storia d’amore tra una vedova con tre figli ed un aviatore americano. L’amore per l’horror lo porta a realizzare “Zeder” in cui torna alle atmosfere di “La casa dalle finestre che ridono” (1983) con il racconto delle disavventure di un giovane giornalista che viene a conoscenza della sconvolgente scoperta del professor Paulo Zeder: chi veniva sepolto in alcuni terreni particolari denominati con la lettera K poteva tornare in vita. Le indagini che il giovane conduce lo portano a scoprire nella riviera romagnola il luogo segreto dove alcuni scienziati conducono inquietanti esperimenti. Nello stesso anno con “Una gita scolastica” si definisce la poetica tipica di Avati che sul filo della memoria ricostruisce con affettuosa nostalgia il proprio passato e canta Bologna e la sua provincia con delicatezza e misura. Il film narra la tenera storia d’amore tra un timido professore ed una bella insegnante. “Impiegati” (1984) è un racconto lucido e tagliente che critica il mondo borghese presentando un gruppo di mediocri yuppie mentre nello stesso anno con “Festa di laurea” Avati torna alla commedia amara e di buoni sentimenti sull’Italia del dopoguerra. Nel 1986 gira “Regalo di Natale” film che rivela le doti drammatiche di Diego Abatantuono e mostra un Carlo Delle Piane in forma smagliante. La pellicola racconta una rimpatriata tra amici che si trasforma in un drammatico regolamento di conti. Con “Magnificat” (1993) il regista bolognese realizza un affresco dell’alto medioevo, epoca in cui il cristianesimo conviveva con abitudini barbare e pagane. Dopo il film horror “L’arcano incantatore” (1996), Pupi Avati racconta una storia che narra la potenza dell’amore ed è ambientata in Romagna nell’ultimo giorno del 1899 con “Testimone dello sposo” (1988). Nel 2001 torna al medioevo con il racconto delle avventure di cinque cavalieri che vanno alla ricerca della Sacra Sindone ne “I cavalieri che fecero l’impresa” mentre “Il cuore altrove” (2003) è una malinconica e crepuscolare storia d’amore tra una donna non vedente ed un insegnante di latino e greco. Con “Ma quando arrivano le ragazze?” (2005) torna a parlare del suo amore per il jazz narrando la storia d’amicizia di due musicisti che viene incrinata dal fatto che solo uno dei due è dotato di talento. Nel 2007 torna al genere horror con “Il nascondiglio”, mentre nel 2008 "Il papà di Giovanna" è in concorso alla 65° Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia.

Hanno detto di lui:

“…Cantore di Bologna e dintorni, narratore quasi maniacale di quel pezzo di terra…” (Silvana Mazzocchi)

“…Avati gode di una dote naturale, che lo avvicina e lo rende differente rispetto ai registi del dopoguerra: la memoria per lui non è mai un viaggio nel passato. Come Funes il “memorioso”, il protagonista di un racconto di Borges, riesce a ricordare tutto contemporaneamente, a non sentire la differenza del tempo, a vedere gli aspetti fantastici e surreali della realtà, a dare consistenza materiale ai sogni…” (Gian Piero Brunetta)

“…E’ bastato un anno, quanto divide “Impiegati” da “Regalo di Natale”, perché la musa di Pupi Avati si avvolgesse in un nero mantello. Dopo aver a lungo frequentato le stanze della memoria con una certa aria trasognata, già nel film sui giovani dipendenti di banca il regista bolognese mostrava di voler propendere non più verso il dolce ma l'agro. È tuttavia con “Regalo di Natale” che i disincanti della maturità hanno cancellato gli ultimi resti della rugiada. Ecco un Avati che dopo aver tanto sacrificato al mito dell'amicizia amaramente ci avverte di diffidarne, perché se da giovani può aiutarci a fingere la reciproca confidenza, da adulti può andarsi a infrangere contro il muro del cinismo…” (Giovanni Grazzini)

 

Last Updated ( Tuesday, 02 September 2008 )
 
< Prev   Next >